STATUTO AINSPED – ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE

PEDAGOGISTI ED EDUCATORI

Articolo 1 – Denominazione, sede e durata

E’ costituita la “Associazione Internazionale Pedagogisti e Educatori” (in sigla A.I.N.S.P.E.D.) di seguito denominata “Associazione”. L’Associazione ha sede presso il domicilio scelto dal Presidente, la stessa potrà attivare sedi succursali e operative in Italia e all’estero, la sua durata è illimitata.

Articolo 2 – Deontologia professionale e protocolli d’intesa

L’Associazione elabora e adotta un proprio codice deontologico nel rispetto delle norme ministeriali e giuridiche vigenti. Quando necessario o previsto per legge, stipula accordi tramite protocolli d’intesa con Enti Assicurativi, Formativi e Culturali, Nazionali e/o Europei ad esclusivo vantaggio degli iscritti.

Articolo 3 – Principi e certificazioni

L’Associazione è di natura privatistica, su base volontaria e può rilasciare periodicamente agli iscritti, previe le necessarie verifiche, attestato in ordine al possesso dei requisiti professionali, all’aggiornamento professionale e al rispetto delle regole di correttezza nello svolgimento dell’attività professionale.

L’attestazione delle competenze, indica l’aumentare delle conoscenze tecniche dei soci, e ne favorisce il loro inserimento all’interno dei contesti lavorativi.

Articolo 4 – Scopi

L’Associazione è apartitica e apolitica, non ha scopo di lucro e propone i seguenti intenti ai fini del rispetto dell’Art. 2 dello Statuto:

  • promuovere e far riconoscere il ruolo e la professionalità dei professionisti di area educativo/pedagogica in tutte le sue diverse espressioni e articolazioni specialistiche: Pedagogista, Educatore; sia in ambito pubblico che privato;
  • promuovere la regolamentazione delle suddette professioni educative e pedagogiche in un sistema di libera concorrenza anche con la costituzione di registri professionali e con il rilascio delle relative certificazioni, nel rispetto delle leggi nazionali e delle direttive dell’Unione Europea;
  • promuovere e svolgere attività scientifica, intervento sociale e di ricerca pedagogico-educativa per contribuire allo sviluppo professionale dei pedagogisti, degli educatori e di tutti gli operatori di area pedagogica;
  • promuovere e gestire corsi di formazione e/o perfezionamento post laurea attraverso associazioni, enti pubblici o privati per i laureati in pedagogia e/o scienze dell’educazione, o professioni affini al lavoro in équipe socio-psicopedagogica;
  • indire concorsi e/o Borse di Studio attinenti con le attività programmate;
  • promuovere e stabilire rapporti con le istituzioni dello Stato, i Ministeri, le Università, gli Enti Pubblici, gli Istituti, le Associazioni, i Sindacati, e con tutte le organizzazioni sociali e culturali anche internazionali, costruendo rapporti di collaborazione professionale volto a dare risposte ai bisogni della società e allo scopo di implementare le occasioni di lavoro dei soci;
  • curare la raccolta di materiale documentario, bibliografico e scientifico e renderlo disponibile a tutti i soci; sviluppando e promuovendo l’uso dei moderni strumenti informatici, nonché provvedere alla divulgazione di detto materiale attraverso il portale web ufficiale della associazione.
  • promuovere la realizzazione di reti di collaborazione tra le diverse figure professionali, stimolando la creazione di modalità di intervento multidisciplinare e multi-prospettiche;
  • promuovere ed organizzare convegni, congressi, seminari per implementare, divulgare e promuovere le figure professionali dell’Educatore e del Pedagogista;
  • offrire ai soci tutte le informazioni di carattere professionale, formativo e legislativo anche attraverso l’organizzazione di appositi servizi completamente gratuiti come Forum, Faq, Mailing List, Blog, ed ogni altro strumento divulgativo realizzabile con strumenti informatici.

Articolo 5 – Soci

Possono essere soci dell’Associazione:

  1. tutti i professionisti ed i laureati di area educativo/pedagogica di nazionalità italiana o estera, che ne facciamo espressa richiesta. Ovvero: Educatori Sociali L-19, C-18; Educatori Sanitari SNT/02 ed equipollenti; Pedagogisti classe LM-85, LM-50, LM-57, LM-93 ed equipollenti v. o. (DM 233/09); Studenti di Scienze dell’Educazione o Educatore Professionale in corso di formazione. Ogni socio, studente incluso, in regola con la quota annuale associativa, possiede diritto di voto e di proposte organizzative nella propria regione di pertinenza da indirizzare al “Delegato Regionale”.
  2. l’associazione prevede l’inclusione di altre tipologie di soci, quali: soci sostenitori (soggetti fisici o giuridici che intendano sostenere le attività svolte tramite contributi economici, culturali o donazioni varie); soci onorari (particolari personalità che, pur non avendo parte attiva nelle iniziative dell’associazione, ne appoggiano concretamente lo sviluppo). I soci sostenitori ed i soci onorari non posseggono diritto di voto.

Articolo 6 – Diritti dei Soci Ordinari

I Soci hanno il diritto:

  1. di partecipare e muovere proposte alle Assemblee Regionali (se in regola con il pagamento delle quote associative);
  2. di conoscere i programmi con i quali l’Associazione intende attuare i suoi obiettivi;
  3. di proporre a maggioranza del 50% più uno (numero variabile in base ai soci presenti sul territorio di appartenenza) modificazioni dello Statuto e dei regolamenti di carattere generale, purché tali proposte non contrastino con il Codice Deontologico associativo e con gli obiettivi associativi peculiari;
  4. di partecipare alle attività promosse dall’Associazione;
  5. di usufruire di tutti i servizi dell’organizzazione e di fondare, in sinergia con la Presidenza, eventi, sedi regionali o internazionali ai fini di estensione dell’Associazione stessa nei limiti burocratici, legali e deontologici previsti dallo Statuto.

Articolo 7 – Regolamenti

I soci sono tenuti al pieno rispetto del regolamento deontologico e del regolamento disciplinare dell’Associazione e sono passibili delle sanzioni negli stessi previsti.

Articolo 8 – Quota associativa

I soci sono tenuti al pagamento di una quota associativa annua, in misura differenziata a seconda della categoria di appartenenza: gli importi e le categorie verranno determinati anno per anno dal Consiglio Nazionale.

Articolo 9 – Validità dell’iscrizione

L’iscrizione in qualunque momento venga effettuata, ha validità esclusivamente per l’anno in corso (dal 1 gennaio al 31 dicembre).

Articolo 10 – Recesso

Il Socio che intende recedere dall’Associazione deve darne comunicazione tramite raccomandata o posta certificata al Responsabile Nazionale del tesseramento. Il recesso avverrà entro 30 giorni lavorativi dal ricevimento della richiesta.

Articolo 11 – Registro interno

L’associazione detiene un proprio registro interno dei suoi soci aderenti, così suddiviso per grado professionale e tariffe:

  • Sezione A “Senior”: i soci professionisti già in possesso di laurea triennale e/o magistrale;
  • Sezione B “Junior”: i soci studenti iscritti al corso di laurea in Scienze dell’Educazione.

N.B. Al momento del conseguimento del titolo triennale il socio aderente rientra nella sezione A, l’iscrizione alla laurea magistrale o master non è adoperabile per rientrare nella sezione B.

Articolo 12 – Organi nazionali, regionali, provinciali e cittadini

Sono organi nazionali: l’Assemblea Nazionale; il Presidente; il Consiglio Nazionale; i Soci Fondatori.

Articolo 13 – l’Assemblea Nazionale

L’Assemblea Nazionale è convocata periodicamente dal Presidente, e vede la partecipazione del Consiglio Nazionale, dei Delegati Regionali, dei Delegati per gli atenei, dei Referenti Provinciali e dei Rappresentanti Cittadini. In essa vengono messe al voto le proposte di carattere nazionale, la contabilità e le spese annuali, le elezioni dei nuovi rappresentanti nazionali come: elezione nuovo Presidente, elezione nuovi Delegati Regionali, nuovi Delegati per gli atenei, nuovi Referenti Provinciali, nuovi Rappresentanti Cittadini, nuovi soci aderenti.

Articolo 14 – Il Presidente

1) rappresenta l’Associazione a livello nazionale;
2) è responsabile del funzionamento della struttura nazionale;
3) presiede il Consiglio Nazionale;
4) è componente di diritto con voto deliberativo nel Consiglio Nazionale; il Presidente ha la firma e la rappresentanza legale dell’Associazione di fronte a qualsiasi autorità giudiziaria ed amministrativa e di fronte a terzi. In caso di assenza o di impedimento del Presidente la rappresentanza legale la gestione spetta al vicepresidente eletto dal Consiglio Nazionale. I Delegati Regionali rappresentano legalmente e formalmente l’Associazione nel loro territorio di competenza.
Il Presidente indica all’Assemblea Nazionale il programma di lavoro del suo mandato, e le responsabilità assegnate a ogni membro del Consiglio Nazionale compreso il tesoriere.
Il Presidente resta in carica per 5 anni, e può essere rieletto a maggioranza del 50% più 1 dell’Assemblea Nazionale per altri 5 anni, al termine del quale il suo incarico viene messo al voto. Tutti i Delegati Regionali, i Referenti Provinciali ed i Rappresentanti Cittadini possono candidarsi come Presidente. Il Presidente può essere ammonito e/o sfiduciato per cattiva condotta, trasgressione del codice deontologico e non ottemperanza delle norme statutarie dalla maggioranza assoluta del Consiglio Nazionale.

Articolo 15 – Soci Fondatori

I Soci Fondatori sono i depositari sottoscriventi dello Statuto. Il Consiglio dei Soci Fondatori appone modifiche e/o perfezionamenti allo Statuto stesso e si riunisce ogni 6 mesi. I Soci Fondatori non possono essere rieletti. I Soci Fondatori (solo fino al completamento del 70% delle regioni) eleggono con maggioranza assoluta i Delegati Regionali, tale decisione in seguito spetta all’Assemblea Nazionale.

Articolo 16 – Il Consiglio Nazionale

Il Consiglio Nazionale si riunisce mensilmente con data fissa; in esso vengono raccolte le proposte dei Delegati Regionali da discutere con la Presidenza. I Referenti Provinciali ed i Rappresentanti Cittadini non prendono parte al Consiglio Nazionale, se non su esplicita richiesta del Presidente.

Articolo 17 – Il Delegato Nazionale per gli Atenei

Il Delegato Nazionale per gli Atenei è scelto con nomina diretta dal Presidente o dal Vice-Presidente, il suo ruolo è quello di creare i collegamenti con le diverse università, italiane e/o estere, con lo scopo di creare convegni, conferenze, manifestazioni e attività scientifico-culturali inerenti la professione.

Il Delegato Nazionale per gli Atenei:

  • È uno studente iscritto al Corso di Laurea Triennale o Magistrale in Pedagogia;
  • Ha esperienze associative;
  • È competente nell’utilizzo dei media;
  • È portavoce in Consiglio Nazionale delle richieste professionali degli studenti e dei docenti accademici;
  • È in carica per 3 anni.

Articolo 18 – Delegato Regionale

  1. rappresenta l’Associazione a livello regionale;
  2. è responsabile del funzionamento della struttura regionale;
  3. è leader dei Referenti e dei Rappresentanti regionali;
  4. è componente di diritto con voto deliberativo nel Consiglio Nazionale; il Delegato Regionale ha la facoltà di rilascio degli attestati di qualifica professionale ai soci regionali ponendo la sua firma e la sua rappresentanza in sinergia col Presidente. In caso di assenza o di impedimento del Delegato Regionale la rappresentanza legale la gestione spetta al Referente Provinciale. I Delegati Regionali rappresentano legalmente e formalmente l’Associazione nel loro territorio di competenza.

Il Delegato Regionale, così come il Referente Provinciale ed il Rappresentante Cittadino, resta in carica per 5 anni, e può essere rieletto a maggioranza del 50% più 1 dell’Assemblea Nazionale per altri 5 anni, al termine del quale il suo incarico viene messo al voto. Tutti i Delegati Regionali, i Referenti Provinciali ed i Rappresentanti Cittadini possono candidarsi come Presidente.

Il Delegato Regionale può essere ammonito e/o sfiduciato per cattiva condotta, trasgressione del codice deontologico e non ottemperanza delle norme statutarie dalla maggioranza assoluta del Consiglio Nazionale.

Articolo 19 – Responsabile Contabile Nazionale

Il Responsabile Contabile Nazionale è eletto con nomina diretta dal Presidente, la sua carica ha durata illimitata e prende parte ad ogni riunione.

Articolo 20 – Gratuità delle cariche

Le cariche sociali sono a tutti i livelli a titolo gratuito e volontario. Per incarichi di particolare rilevanza e delicatezza possono essere previste deroghe al presente articolo, con delibera motivata del Consiglio Nazionale.

Articolo 21 – Scioglimento dell’Associazione

Per deliberare lo scioglimento dell’Associazione e la devoluzione del patrimonio occorre il voto favorevole del 75% in ogni regione degli associati aventi diritto al voto.

Articolo 22 – Elezioni

Il Delegato Nazionale per gli Atenei viene eletto ogni 3 anni con nomina diretta del Presidente; la sua carica non è rieleggibile, ma potrà in seguito ricoprire altri ruoli interni all’Associazione;
Il Delegato Regionale, così come il Referente Provinciale ed il Rappresentante Cittadino, resta in carica per 5 anni, e può essere rieletto a maggioranza del 50% più 1 dell’Assemblea Nazionale per altri 5 anni, al termine del quale il suo incarico viene messo al voto. Tutti i Delegati Regionali, i Referenti Provinciali ed i Rappresentanti Cittadini possono candidarsi come Presidente.
Il Presidente resta in carica per 5 anni, e può essere rieletto a maggioranza del 50% più 1 dell’Assemblea Nazionale per altri 5 anni, al termine del quale il suo incarico viene messo al voto. Tutti i Delegati Regionali, i Referenti Provinciali ed i Rappresentanti Cittadini possono candidarsi come Presidente.

Articolo 23 – Patrimonio

Le entrate dell’Associazione sono costituite da: quote di iscrizione, contributi volontari, lasciti e donazioni, entrate di diversa natura per servizi prestati a soci e non soci, contributi pubblici. Le Sedi Regionali, Provinciali e Cittadine, usufruiranno di un proprio bilancio economico derivato dal gettito delle quote degli iscritti, da contributi volontari, donazioni o attività organizzative che contribuiscano ad aumentarne le risorse economiche. Ogni sede regionale possiede il 60% delle entrate relative alle quote associative, spendibili per le attività precedentemente illustrate, alla sede nazionale spetta il 40% delle quote regionali da investire in attività nazionali o internazionali.

Articolo 24 – Disposizioni finali

I bilanci e le delibere degli Organi nazionali saranno pubblicati sul sito web dell’Associazione: i bilanci preventivi e le proposte di modifiche statutarie e regolamentari saranno pubblicati in tempo utile per la relativa assemblea. Tutti i soci hanno facoltà di consultare i libri sociali e dei registri contabili, nazionali, regionali, provinciali, e comunali e tutto quanto concerne la gestione dell’associazione, in tempo reale, senza obbligo di motivazione. I Soci in regola con il pagamento delle quote sociali possono, nel rispetto della legge n.° 196/03 e previo rimborso delle relative spese, consultare i libri sociali ed estrarne copia. Per ogni controversia legale
che dovesse insorgere si fa riferimento al Tribunale di Cosenza.