In contrasto alle “fake news” ed ai “corsi truffa” per educatori

In contrasto alle “fake news” ed ai “corsi truffa” per educatori

In merito alle notizie infondate che, purtroppo, circolano sul web, l’AINSPED rende nota l’importanza di verificare la “fonte delle informazioni”, affinché ognuno possa essere informato correttamente senza manipolazioni di sorta.

In merito al post in questione:

L’onorevole Iori si è confrontata con i dirigenti del MIUR, i quali hanno affermato che non sono necessari i decreti attuativi.
La legge è da considerarsi già attuata!
Le università possono già organizzare i corsi di 60 cfu.
Possiamo fare ricorso per i bandi di coordinatore pedagogico o educatore che non rispettano i requisiti previsti dalla legge.
Una bella notizia che ci porta in avanti di diversi mesi!

Oltre ad essere una notizia non ufficializzata dal MIUR, o da alcun organo di stampa, non rende merito a ciò che Pedagogisti ed Educatori aspettano da oltre 30 anni, ossia “una regolamentazione seria” delle professioni pedagogiche.

L’AINSPED presenterà al MIUR una lettera in cui chiederà di emanare una norma ufficiale che renda “fuorilegge” i corsi privati per educatore, e delimiti il campo di azione di esclusiva competenza accademica. Il prossimo passo che l’AINSPED porterà avanti, sarà chiedere l’equipollenza di tutti i piano di studi nelle 4 magistrali: LM-50, LM-57, LM-85, LM-93, affinché cessi il mercimonio dei CFU da integrare nei concorsi pubblici. Difatti, come Iori afferma: “La laurea in Pedagogia è abilitante”, deve esserlo per tutti i concorsi pubblici, affinché vi sia una chiara e profonda lotta al precariato, a vantaggio dell’inserimento occupazionale di tutti i professionisti con laurea triennale e magistrale.

L’AINSPED riterrà la Legge n. 205/2017 commi 594-601, che non è Legge Iori, poiché il DDL 2443 non è mai stato approvato, applicata nell’esatto momento in cui il MIUR prenderà una posizione netta e decisa verso questi enti privati che continuano ad incassare illecitamente soldi pubblici dei cittadini rilasciando titoli falsi.

Davide Piserà

Articolo di Davide Piserà

30 Gennaio 2018

Laurea Magistrale in Pedagogia conseguita presso l’Università della Calabria. Presidente Nazionale dell’AINSPED (Associazione Internazionale Pedagogisti Educatori). È specializzato in disturbi della mente e del comportamento, crimini informatici, lotta alle dipendenze e alla marginalità, tutela dei minori a rischio, mindfulness, DSA e BES sia in ambito scolastico che extra-scolastico. Dal 2014 svolge a pieno titolo la professione di pedagogista giuridico, collaborando con il Ministero della Giustizia, il Senato della Repubblica ed il MIUR in qualità di consulente. È inoltre educatore titolato presso il Convitto ITAS C. Gallini di Voghera (PV). È stato Consigliere Didattico in Commissione Paritetica all’UNICAL tra il 2012 ed il 2014, anni in cui ha pubblicato numerosi articoli scientifici per conto del Dipartimento di pertinenza.